Aldous Huxley

Le sue idee furono le fondamenta su cui si costituì lo Human Potential Movement. In un discorso tenuto nel 1961 alla California Medical School di San Francisco, Huxley disse che “ci sarà in una delle prossime generazioni un metodo farmacologico per far amare alle persone la loro condizione di servi e quindi produrre dittature, come dire, senza lacrime; una sorta di campo di concentramento indolore per intere società in cui le persone saranno private di fatto delle loro libertà, ma ne saranno piuttosto felici”.

La visione di Huxley sul ruolo della scienza e della tecnologia (come lui lo descrisse, per esempio, ne L’isola) sono analoghe a quelle di altri noti pensatori britannici del Novecento, quali Lewis Mumford, l’amico di Huxley Gerald Heard e, in qualche modo, Buckminster Fuller. Tra i continuatori di questa linea di pensiero nelle successive generazioni si annovera Stewart Brand.

Il 12 maggio 1961 un incendio divampato nella sua casa distrusse tutti i suoi libri e le sue carte. La perdita fu una prova durissima. Sul suo letto di morte, incapace di parlare, chiese alla moglie per iscritto di ricevere un’iniezione intramuscolare di 100 microgrammi di LSD, accompagnando il suo trapasso con la lettura di passi del Libro tibetano dei morti. Fu accontentato e spirò la mattina seguente, il 22 novembre 1963, lo stesso giorno in cui morirono anche John F. Kennedy e C.S. Lewis.

Informazioni su apoforeti

Unione Associazioni Culturali
Questa voce è stata pubblicata in 1961. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Aldous Huxley

  1. apoforeti ha detto:

    Huxley era un oppositore del “duro” totalitarismo, e nel suo romanzo ha descritto una società che si baserà sul “soft power”: le persone accetteranno volentieri le “buone azioni” delle autorità, senza sentire che sono lentamente, ma sicuramente schiavizzate e uccise – spiritualmente, moralmente e alla fine fisicamente. Gli strumenti del “soft power” sono l’eugenetica, le droghe, la religione New Age, la propaganda dell’amore libero, la cultura pop, la giustizia alla Giovenale, i metodi speciali di zombificazione … Tutto ciò che immerge una persona nella “seconda realtà”. E le autorità, in questo frangente, riorganizzeranno la “prima realtà”, distruggeranno i valori tradizionali, doteranno il pianeta di un “nuovo ordine mondiale”
    https://www.ariannaeditrice.it/articoli/la-virata-globale-da-il-mondo-nuovo-alla-societa-totalitaria-di-1984

  2. bondeno ha detto:

    Vi dico: divisi siamo tutti una minoranza e, insieme, siamo Il Popolo. Tutti insieme andiamo abbastanza d’accordo, anche senza la sovrintendenza oppressiva del Grande Fratello. La paura del Covid è stata costruita per farci avere paura di ogni altro essere umano e noi dobbiamo respingerla
    https://www.ariannaeditrice.it/articoli/belgrado-liberata

  3. apoforeti ha detto:

    La prigione senza sbarre di cui parlava Aldous Huxley non è più in costruzione, ma in via di completamento. Siamo dissuasi dall’agire, perché c’è la prigione; dal parlare, per timore di ammende, risarcimenti e cause civili; dal pensare perché è inutile, un esercizio di autismo ai limiti della patologia. E oggi, persino dal vivere, poiché la nostra presenza inquina.”
    https://www.ariannaeditrice.it/articoli/lo-stato-di-rovescio

Rispondi a bondeno Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.