Isetta

Negli anni ’50 del secolo scorso fu l’Italia a salvare la Germania e precisamente la BMW, sull’orlo del fallimento, con l’Isetta.

Per il mercato italiano , la geniale invenzione di Ermenegildo Preti e Pierluigi Raggiera troppo costosa: circa 400.000 lire dell’epoca, quindi poco meno di una Topolino  (ma la FIAT era pronta a sfornarla per 200.000, se avesse avuto successo).

Fu così che il progetto venne venduto alla BMW, che la presentò nel 1954 al Salone di Ginevra col nome di BMW 250; le buone vendite consentirono alla casa tedesca di superare l’impasse dovuta all’alto costo dei suoi modelli di punta.

Nelle sue successive declinazioni l’auto fu prodotta fino al 1962 in Germania e commercializzata, su licenza, anche in Sudamerica e Francia.

Informazioni su apoforeti

Unione Associazioni Culturali
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.